Home

Bulky di Raffaella Simoncini

“Siamo questo traslare

Cambiare posto e nome.

Siamo un essere qui, perenne navigare

Di sostanze da nome a nome. Siamo.”

Mariangela Gualtieri

Mi è piaciuto molto il nuovo romanzo Neo Edizioni, dal titolo Bulky. l’autrice è Raffaella Simoncini.

L’autrice di questo intenso e coraggioso romanzo trae spunto dalla propria vita per mettere su carta un toccante racconto della malattia, che è anche la storia di una forte amicizia tra due donne.

Sullo sfondo, un’asettica stanza di ospedale. Scrivere della malattia non è mai facile, scriverne bene senza retorica o senza risultare respingenti o addirittura indulgenti davvero un’impresa. La Simoncini, che ha avuto un cancro, ci riesce in questo esordio letterario, con un modo di raccontare per niente canonico.

Le pagine si susseguono e lo fanno con rabbia, con dolore e coraggio. La storia è sincera e la scrittura pure.

Ne ho scritto su Econote. La recensione completa è qui.

Leonardo De Blasiis presenta il nuovo libro Sono con te a Palazzo Venezia

Leonardo De Blasiis lunedì 12 dicembre alle 17:30 a Napoli a Palazzo Venezia presenta il suo nuovo libro Sono con te, con una grande meditazione cittadina.

Con un appello ai napoletani ad ascoltarsi e ad amarsi, sarà accompagnato da cantautore Maldestro e dalle letture di Luisa Guarro. Durante l’incontro moderato dal giornalista Angelo Cerulo, proposti anche degli esercizi esperienziali indicati nel testo. Esercizi psicofisici, che sono una “ginnastica della coscienza”, che sviluppa i muscoli spirituali e rafforza la mente. Un approccio olistico che mira all’integrazione e al benessere di corpo, mente e spirito.  «I napoletani sono invitati ad entrare nel “dojo della felicità” – spiega De Blasiis – un luogo dove ci si allena per essere felici, un percorso che li accompagnerà nel viaggio più entusiasmante che possano fare, nel luogo dove tutto accade: “se stessi”. Un viaggio di ricerca per svelare i propri talenti e manifestarli, per poi metterli al servizio della comunità e assumere con coraggio spirituale e dignità la propria manifestazione in questa vita». 

Il libro è diviso in tre parti: verità, consapevolezza, amore, un cammino interiore che parte dalla meditazione e passo dopo passo porta alla felicità, attraverso un’accoglienza profonda del dono della vita. La prefazione del secondo libro di De Blasiis è stata scritta da Jorge Llano, psicoterapeuta e “costellatore familiare” di fama internazionale, scrittore, insegnante e formatore di terapeuti, sciamano, nonché rinomato leader di seminari internazionali e fondatore della scuola gestalt Claudio Naranjo Transformación Humana Colombia. «Il libro di Leonardo – scrive Llano – è come un giardino amorevole in cui l’autore apre il suo paesaggio interiore, affinché le persone che sono nel viaggio spirituale, nel cammino, nella ricerca si ispirino e godano della trasformazione interiore fiorendo in sé stesse». De Blasiis è facilitatore mindfulness, maestro di arti marziali, laureato in fisioterapia e specializzato in terapia osteopatica posturale. Aiuta le persone a trovare il benessere psicofisico e spirituale attraverso un percorso di “auto riprogrammazione psicosensoriale”, che mira a potenziare le capacità di ascolto del corpo e della mente e a risvegliare il maestro interiore insito in ognuno di noi. Questo libro rappresenta una mappa per i ricercatori, che desiderano addentrarsi nel proprio territorio iniziando da casa, dall’interno, dall’essenziale, in modo umile, silenzioso, per lasciare le trincee delle ferite emotive dell’infanzia, attraversandole con perdono e amore con lo scopo di essere parte presente e consapevole del magnifico dono che è la vita.

Un Pirandello proibito

Oggi pomeriggio alle ore 18:00, presso la libreria The SPARK (piazza Bovio, 33) l’amico scrittore Raffaele Messina presenta un Pirandello diverso. Un Pirandello che denuncia preti pedofili, matrimoni riparatori, uteri in affitto e altre nefandezze del nostro mondo. Un Pirandello che corse il rischio di finire all’Indice dei libri proibiti. E ci volle tutta l’influenza del cardinale Montini, il futuro papa Paolo VI affinché ciò non accadesse.

Da non perdere.

Fiori dell’Hammada a Pozzuoli

Segnalo con piacere il libro di un amico scrittore.

Oggi pomeriggio alle 18:30 presso Phlegraea Socialbookbar si presenta Fiori dell’Hammada di Ciro Linardo. Ecco cosa scrive su Facebook, andateci:

🌈 Dovrete aiutarmi a costruire un ponte, una lunghissima costruzione virtuale che attraversi mare e monti, città e deserti, paesi e continenti.

Un ponte arcobaleno che ha lo scopo di divulgare la causa #saharawi , di accendere un faro su una guerra in atto che i media internazionali ignorano, di parlare di diritti civili negati e di torture subite dai martiri saharawi rinchiusi nelle carceri marocchine.

Il tutto sotto gli occhi ciechi dell’Onu.

🫂 Non chiediamoci cosa possiamo fare per provare a salvare il Mondo, non trinceriamoci nelle nostre gabbie dorate.

🏡 Aprite la porta di casa oggi pomeriggio e venite con me in piazza a Pozzuoli a sentire la storia di un Popolo fiero e degno, che combatte per il diritto all’autodeterminazione perché i saharawi rappresentano l’ultima colonia d’Africa.

ABBÀ PADRE DI ROBERTO BATTESTINI – NEO EDIZIONI

La casa editrice Neo Edizioni, con la sua collana di fumetti inaugurata un anno fa, non sta sbagliando un colpo. La conferma arriva con questo Abbà Padre, sofferta e stratificata autobiografia dell’autore Roberto Battestiniuscito a inizio novembre.

Il volume, che è un graphic novel dal tratto molto bello e dai colori delicati, appassiona sia per la trama che per lo stile. La storia è, in breve, il racconto autobiografico della famiglia dell’autore, la “Banda Battestini” una banda criminale nata a Pescara e attiva dalla fine degli anni 70 all’inizio degli anni 80.

L’autore ci parla della sua vita: l’infanzia, l’adolescenza, la maturità. Di Rolando e Pasquale, i suoi fratelli e membri della Banda. Ma soprattutto Roberto Battestini in Abbà Padre riflette sul proprio rapporto con il padre, una figura ambigua e sfuggente e, soprattutto, patriarca di questa famiglia dal vissuto così tragico.

Si tratta a tutti gli effetti di una sorta di sofferta, delicata e a tratti addirittura ironica autoanalisi a fumetti. L’autore mescola diversi piani e toni, regalando un lirico racconto familiare.

Ne ho scritto su Econote.

Variazioni senza tema di Manlio Santanelli

Il ritorno in libreria dello scrittore e drammaturgo Manlio Santanelli è segnato da un’antologia dedicata alla luna e ai lunatici edita da Caracó, che s’intitola Variazioni senza tema.

La presentazione venerdì 18 novembre alle 18 a Napoli al Teatro San Ferdinando, modera la giornalista e autrice Katia Ippaso, letture di Antonella Morea, Stefano Jotti e Fabio Cocifoglia. 

La prefazione è stata scritta da Maria Teresa Chialant, i dieci racconti sono stati illustrati da Carmine Luino e le opere d’arte saranno in mostra al Teatro San Ferdinando fino al 6 gennaio. 

Dieci racconti tra il grottesco e il surreale, che convergono in dieci strade che partono da una “piazza della divaganza”. 

«Sono storie che raccontano una doppia realtà – spiega Santanelli – laddove i protagonisti nascondono o travestono aspetti della loro vita e del loro passato ricorrendo a storie fantastiche, che impediscono al lettore di riconoscere il confine tra realtà e fantasia». Ogni trama si trasforma in un viaggio di cui è certa la partenza ma non l’arrivo, che è sempre governata dall’imprevedibile, con uno stile personalissimo che coniuga scrittura teatrale e pura narrazione. 

«Già il titolo Variazioni senza tema – scrive Chialant – indica la propensione dell’autore al gioco linguistico, non fine a sè stesso ma come una sfida a frasi fatte e a espressioni idiomatiche consolidate, proponendone di nuove, nelle quali la seconda metà dell’enunciato contraddice quanto ci si aspetta dalla prima, così sfatando luoghi comuni e producendo un effetto di straniamento».

L’ironia e il gusto a giocare con la lingua divertono chi legge e nel contempo propongono riflessioni profonde sulle bizzarrie e le insensatezze dei comportamenti umani. 

La mostra “Dieci racconti X Dieci illustrazioni” curata da Carmine Luino è chiaro e scuro, pieno e vuoto, colore e buio. «Bellezza e forma, gli scritti di Santanelli – spiega Luino – sono per un illustratore una fonte inesauribile di invenzione. Onorato e divertito nell’interagire con una parola che, in questo caso, vale più di mille immagini». 

Caracò ha già pubblicato il testo di Santanelli, La Venere dei terremoti (2012). 

«Per noi, casa editrice con un pezzo di cuore a Napoli – commenta Alessandro Gallo – ritornare a pubblicare Santanelli significa stringere ancora le mani sulle nostre radici storiche, antropologiche e soprattutto culturali. Manlio per noi è stato e sarà ancora una bussola che ci ha permesso, come i personaggi di questa sua ultima opera, di farci giocare, riflettere, amare anche, le tante e troppe contraddizioni umane».

Variazioni senza tema di Manlio Santanelli, un’antologia dedicata alla luna e ai lunatici

Vi sono raccolte di racconti nelle quali gli elementi che le compongono hanno fra loro una sorta di familiarità: In questa raccolta intitolata Variazioni senza tema i racconti in essa contenuti non si conoscono per niente, e se si incontrano non si salutano. Ma c’è da sperare che vivendo assieme nello stesso volume, in futuro potranno stabilire fra loro una civile convivenza. 

Manlio Santanelli

Gommapiuma di Giorgio Poi

Percorre come un coraggioso esploratore alcune strade secondarie – meno battute, affascinanti, quasi nascoste – della musica italiana, Giorgio Poi, da anni protagonista di una scena in parte indie, a tratti hipster, ma che in qualche modo riesce ad arrivare anche a un pubblico ampio, a farsi apprezzare da un gruppo di ascolto variegato, curioso, che non si accontenta della trap, delle rime scontate, del piattume imperante spesso nelle classifiche di “musica italiana” su Spotify.

Con Gommapiuma il cantautore nato a Novara e giramondo conferma quanto già fatto ampiamente vedere coi precedenti lavori, anzi alza l’asticella, vuoi per la collaborazione con Elisa – fantastica, sognante Bloody Mary – vuoi per la compattezza e la profondità delle 8 canzoni contenute nel disco.

A chi lamenta che siano poche, queste canzoni, consiglierei di soffermarsi sulla loro densità. Sui testi, stratificati. Sulla giusta e originale commistione tra pop e sperimentazione.

Giorgio Poi ci delizia coi testi ricchi di immagini originali, malinconiche, stranianti. Rispetto ai precedenti dischi la produzione è qualitativamente più raffinata, gli arrangiamenti orchestrali ci catapultano in un mondo che in parte ci sembra nuovo. Sentiamo echi di Battisti e Battiato, ma si tratta sempre di riscrittura, rielaborazione: Poi resta uno dei pochi cantautori pop-rock italiani che ha qualcosa da dire davvero, e gli strumenti e la raffinatezza per farlo.

Rococò è una dolce introduzione, con quegli archi delicati che accompagnano una romantica lettera d’amore, I Pomeriggi – che fu lanciata già su YouTube e fu per me come un’illuminazione, come per molti altri – ha un giro di chitarra più cupo, atmosfere più decadenti. In Bloody Mary l’emozionante featuring con Elisa, in una canzone più classica, quasi sanremese, anticipa la canzone che dà il titolo al disco, quella Gommapiuma che in un post facebook descrisse così: “La gommapiuma è un materiale utilissimo: attutisce i colpi, assorbe, protegge le cose fragili. La sua leggerezza è la sua forza. Ho scritto questo disco in un momento in cui alla mia fragilità si sommava quella della mia intera specie, e al mio peso quello del mondo in caduta libera. Se non sono andato in frantumi è anche grazie a queste canzoni.”

In questo disco Giorgio Poi appare proprio così: fragile, destabilizzato, ma non per questo meno forte. Giorni Felici è disarmante nella sua bellezza, un grido disperato verso un passato idealizzato. Le ultime canzoni poi, sono una coda rarefatta e informale: SupermercatoBarzellette e Moai sono tre canzoni più semplici, senza archi, senza fronzoli. Una specie di ritorno al passato. Impalcature esili, per le ballate chitarra elettrica e voce a cui spesso Giorgio Poi ci ha abituati.

Battisti, Battiato dicevo. Qualcosa di Lucio Dalla. Venendo ai giorni nostri, Calcutta forse. Alla fine forse questo continuo tentativo di trovare riferimenti ed echi non porta da nessuna parte: non è it-pop, non è indie, sono tutti questi riferimenti insieme ed è allo stesso tempo qualcosa di nuovo. Forse, è semplicemente Giorgio Poi

Presentazione di Raffaele Messina a Casertavecchia

Una splendida occasione per vedere un bel borgo e assistere alla presentazione dello scrittore Raffaele Messina.

Il suo libro Artemisia e i colori delle stelle racconta la storia di una straordinaria Pittrice. Artemisia Gentileschi (1593-1653 ca.) fu la prima donna a essere ammessa all’Accademia del Disegno di Firenze e destinata a divenire una pittrice di rilievo europeo. Questo romanzo, liberamente ispirato alla sua vita, riprende due momenti fondamentali di quella eccezionale quanto tormentata esperienza artistica e privata: la giovinezza a Roma, segnata da uno stupro seguito da un pubblico processo e poi da un matrimonio senza amore; e gli anni della maturità a Napoli, a metà del secolo, quando, raggiunto ormai il successo, Artemisia ripercorre la propria esistenza e ricerca in sé, oltre l’artista, la moglie, la madre, la donna. Il romanzo ci restituisce, dunque, il ritratto ricco e complesso di una figura femminile di straordinario valore, sullo sfondo di due città barocche, Roma e Napoli, vivide e ferali.

Link: https://www.ibs.it/artemisia-colori-delle-stelle-libro-raffaele-messina/e/9788899716844

L’archeologia dell’amore – Cătălin Pavel

Bestseller in Romania, questo saggio atipico pubblicato in Italia da Neo Edizioni a fine aprile, è davvero un libro sorprendente. Nell’ottima traduzione dal rumeno di Bruno Mazzoni, “L’archeologia dell’amore” è un libro scritto dall’archeologo Cătălin Pavel, che intende indagare le relazioni amorose a partire dai ritrovamenti archeologici di tutto il mondo.

L’autore è un brillante divulgatore che riesce, in queste pagine, a raccontare l’amore e le relazioni di tutte le epoche, partendo dai resti archeologici: dalla preistoria al 900. Ma il libro ha un linguaggio accessibile a tutti, divulgativo e anzi molto ironico, cosa atipica per una comunicazione – quella archeologica – spesso polverosa e molto tecnica.

Abbiamo qui invece un’alternanza tra approccio scientifico e riflessioni personali. La scrittura è fresca, originale per un saggio di questo tipo. Il tono leggero non svilisce la materia, anzi la arricchisce con particolari e spunti contemporanei.

Ecco degli esempi:

“La coppia-prototipo della bellezza, Afrodite e Adone, è una specie di Brad Pitt e Angelina Jolie della stampa mitologica sensazionalistica.”

“Che alcuni autori abbiano una vena lirica è fuor di dubbio: i più tranquilli desiderano di tutto cuore che Sabina mantenga per sempre la sua bellezza adolescenziale, mentre altri sperano che un’altra tipa di Pompei rimanga “culibonia” (“con un bel culo”), e un tizio di Roma è descritto, pasolinianamente, come “culipetrus” (“col culo duro come pietra”).”

“Sembra tuttavia che la maggior parte degli uomini che scelgono di condividere con la città dettagli della loro vita preferiscono iscrizioni commemorative più esplicite, e ne troviamo parecchie a Pompei. Una dice: “Ho scopato qui il 14 agosto – e il 20 agosto”; in un altro punto: “Mi sono fottuta l’ostessa” (“futui coponam”). Qualcuno medita: “Nymphe l’ho fottuta; Amomus l’ho fottuta; Perennis l’ho fottuto”. Non sono le frasi di un grande scrittore, ma di qualcuno che stila un elenco di vittorie (le prime due femminili, la terza maschile).”

Non sorprende dunque che questo libro sia un bestseller in Romania, perché è in grado con sapienza di indagare il nostro passato, i miti, le iscrizioni, la storia per raccontare con scientificità e originalità, i rapporti d’amore. Attraversando le ere geologiche e i confini geografici. Dal Taj Mahal all’antica Pompei coi suoi graffiti immortalati nell’eternità dall’eruzione del Vesuvio, passando per l’uomo di Neanderthal e il Sapiens, la Prima Guerra Mondiale e il Mausoleo di Alicarnasso. Arrivando addirittura, nella modernità, a parlare di “due distinte figure femminili il cui contributo all’archeologia non è stato valutato a sufficienza. Gertrude Bell […] la donna più potente dell’Impero Britannico al tempo della Prima Guerra Mondiale, tant’è che lei non solo ha messo Faisal sul trono dell’Iraq, ma ha pubblicato importanti monografie su Binbirkilise e altri siti orientali” E “Agatha Christie […] finita nel mondo dell’archeologia senza averne colpa, solo perché ha sposato nel 1930 un archeologo che aveva conosciuto a Ur, in Mesopotamia.

Lo stesso Pavel scrive nel volume, in modo chiaro, i suoi intenti:Ricostruire i nostri sentimenti partendo dai resti del passato. Nella preistoria, dove mancano fonti scritte, l’archeologia è l’unico modo – buono o cattivo che sia – per capire cosa accade a una coppia. In quale altro modo possiamo scoprire quanto ci sia vicino un anonimo abbraccio dell’Età del Ferro?”.

Questo libro è davvero un unicum nel suo genere. Archeologia raccontata con un taglio divulgativo e una scrittura accessibile a tutti. Davvero una piacevole scoperta.

Raffaele Messina vince la sezione Narrativa/Saggistica del Premio costadamalfilibri

Raffaele Messina è un intellettuale sempre attento e disponibile, scrittore raffinato, docente, editor: i suoi libri toccano diversi temi, dai giovani, alla storia, fino ad arrivare all’affascinante figura di Artemisia Gentileschi, donna di straordinario valore. La Gentileschi fu la prima donna ammessa all’Accademia del Disegno di Firenze, e destinata a divenire una pittrice di rilievo europeo. Messina ha raccontato la sua vita a Roma e a Napoli e con questo suo nuovo libro, “Artemisia e i colori delle stelle” (Colonnese) ha vinto la sezione “Narrativa/Saggistica” del Premio costadamalfilibri della XVI edizione di ..incostieraamalfitana.it  Festa del Libro in Mediterraneo. Proclamato a Cetara dal direttore organizzativo della kermesse culturale Alfonso Bottone, allo scrittore napoletano è stata consegnata,  dal consigliere delegato alla Cultura del Comune di Cetara Cinzia Forcellino, la maiolica simbolo del festival realizzata dal maestro ceramista Nicola Campanile di Vietri sul Mare. Completano la classifica il secondo posto del giornalista Ansa Milano Roberto Ritondale con “Operette umorali” (Book Road), il terzo della poetessa romana Sonia Giovannetti con “La poesia, malgrado tutto” (Castelvecchi), il quarto posto della scrittrice umbra Angela Torri con “Anin” (Albatros Il Filo), il quinto dello scrittore salernitano Matteo Alberto Sabatino con “Il proiettore delle memorie” (Schena).

Qui di seguito le altre iniziative culturali della manifestazione creata da Alfonso Bottone.

La XVI edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo si chiude ufficialmente Domenica 17 luglio, ore 20.00, sul Molo Marcina della compagnia di navigazione Travelmar a Marina di Vietri sul Mare. Nel corso della serata il direttore organizzativo del festival Alfonso Bottone incontrerà due autori: Stefano Piccirillo con “Una volta ancora – l’originale”, edito da Guida, e Mariateresa FranzaFino all’ultima fila. Francesco De Gregori raccontato dal suo pubblico”, pubblicato da LargoLiBro.

La vita di Stefano, amato e popolare conduttore radiofonico, è una continua girandola di progetti, incontri, relazioni e strani eventi. In “Una volta ancora – l’originale” di Stefano Piccirillo, voce storica di Radio Kiss Kiss, il protagonista riceve una vera e propria lettera. È Alessia, che entra immediatamente nei dettagli della vita dello speaker famoso come se lo conoscesse da sempre. Fa conoscere a Stefano il vero amore, facendo vacillare le sue sicurezze, e lo spinge a superare i suoi limiti. Stefano, dopo un periodo di attesa, si butta in questo rapporto con tutto se stesso, nonostante gli alti e bassi di un amore che cresce giorno dopo giorno ed esplode con gesti, dimostrazioni, slanci del cuore e rispetto l’uno dei confronti dell’altra.

Fino all’ultima fila. Francesco De Gregori raccontato dal suo pubblico” è il risultato di un viaggio sulle orme del Principe, che l’autrice ha iniziato quando era adolescente. Mariateresa Franza racconta se stessa, il suo rapporto con la musica e, in particolare, con De Gregori. Mostra spaccati inediti della sua storia. Un diario che la docente universitaria originaria di Nocera Inferiore apre ad altri fan, al pubblico di De Gregori. Ognuno, con scritti brevi o più lunghi, racconta l’incontro con il cantautore. A impreziosire il racconto di Franza e di tanti fan del Principe è Guido Guglielminetti. Il bassista, il capobanda di De Gregori come lo stesso cantautore l’ha ribattezzato, firma la prefazione del volume, scrivendo: “Un libro molto interessante e piacevoleche mi aiuta a capire quanto l’opera di De Gregori sia stata e sia ancora importante per tutti noi e quanto lo sia la poesia, la musica, la canzone italiana. Quanto il nostro patrimonio immateriale sia da difendere e da conservare”.

Altri protagonisti della serata il poeta napoletano Giuseppe Scognamiglio con il suo “Zittu zit (dialoghi nel silenzio)”, edito da Terra del Sole; Marco e Luca Casaburi che in 4 minuti racconteranno, con immagini, il loro viaggio attraverso l’Alta Via dei Monti Lattari che cinge lo splendore della Costa d’Amalfi.

La XVI edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, apertasi il 27 maggio a bordo della motonave Uragano della Travelmar anche con la cerimonia di gemellaggio con l’Associazione “Impronte Poetiche”, che sul Molo Marcina sarà protagonista di una “Guerrilla Poetica!” a sorpresa, sancirà un ulteriore gemellaggio con il “Premio Scudo” di Chianciano Terme, promosso dall’Associazione “SicurArt”: una vera e propria anteprima della seconda edizione di un evento che si celebrerà l’8 ottobre in terra di Val di Chiana, nel senese toscano. Al Molo Marcina interverranno Arianna Gallo e Guido Albucci, promotori del Premio Scudo, con un messaggio video di saluti del sindaco di Chianciano Terme.

A completare il programma della serata la consegna del Premio ..incostieraamalfitana.it Marchio Italyalla Travelmar, e del Premio Otowell Cultura alla Vitruvio Entertainment.